Aqua in gelo, aqua

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  Le vosse de la corte Edission e fonte ▼ I cavaleri  →
[p. 149 modifica]
AQUA IN GELO... AQUA
[p. 150 modifica]


NOTA


Siamo a Verona, d'estate nel secondo anno di guerra. La città è sotto l'incubo delle frequenti incursioni di areoplani nemici, specie dopo la tragedia sanguinosa del 14 Novembre, che costò la vita a ben quaranta innocenti.

Tali incursioni erano segnalate ai cittadini con tre colpi di cannone e i rintocchi del civico Rengo,1 il maggiore bronzo della Torre dei Lamberti, sovrastante la celebre piazza delle Erbe.

Appunto su questa piazza, immanente alla torre, dalla quale piovevano improvvisi e cupi i rintocchi, si svolgeva il massimo trambusto. La vasta piazza, con un disordine folle si vuotava in un attimo. Il mercato s'immergeva paralizzato in un silenzio pauroso d'attesa.

Tutti correvano ai ripari, nei rifugi e nelle cantine, mentre per le vie della città correvano i bersaglieri con la cornetta, perchè nessuno restasse allo scoperto. Tutti i negozi ed i portoni dovevano rimanere socchiusi per i ritardatari.

Ai nuovi rintocchi del Rengo, più rapidi e festosi cessava l'allarme e la città riprendeva in un momento la sua vita di prima.




[p. 151 modifica]
AQUA IN GELO... AQUA!


I.

Eco giorni de gran caldo,
che le siore scapa ai bagni;
quei dal giasso2 fa guadagni
e le angurie3 bate saldo...

5Ouff! Che stófego;4 i se senta,
fin a l'ombra de un capel,
e col sol che brusa in çiel,
va a remengo5 la polenta...

Voce dalla via:
— Aqua in gelo... Aqua!

[p. 152 modifica]


10Crepa i muri e su i portoni
scota el lustro de i otoni;
j-è brasèri i marciapiè...

Sì che i omeni più fiachi,
g'à le ale in fondo ai tachì,
15come i servi del cafè...

I signori, più sicuri,
tien tapà finestre e scuri
pisolando6 sul sofà...

Rusa7 ai veri dei saloni,
20'na fanfára de mosconi,
nel silensio de l'istà...

Voce:
— Aqua in gelo... Aqua!

[p. 153 modifica]


II.

La Nineta, mesa mata,
coi brassini a raso l'osso,
da la sè8 che l'à desfata
l'à sugado fin el posso...

5Co un tapeto su le spale
e col slancio de un pompier,
la fa i salti par le scale
smanegando un gran bicier...

Voce:
Aqua in gelo... Aqua!

10Aqua in gelo! Ma sta fiama,
che s-ciopeta9 drento al cor,
che me tira e che me ciama
verso el santo tricolor,

[p. 154 modifica]


no gh'è aqua, no gh'è giasso
15che ghe smorsa via el calor...
Quà una s-ciabola, che masso,
che devento un gran valor...

Voce:
Aqua in gelo... Aqua!

Ma la Nina co i so basi
20'n'altro fogo va a impissar:10
— Resta in casa... Magna e tasi,
te sì vecio da copar...

Vien qua in brasso; no guardarme
che son bruta...! No tentar...

25(Boum...! Don, Don...! Eco l'alarme!)

No lassarme... No çigar!

[p. 155 modifica]


III.

Le cornete11 in fondo al vicolo,
le fa un son che ne impressiona...
Semo in meso a un gran pericolo;
l'è la fine de Verona...!

5Ne le caneve segrete,
tuti in fasso a la imprevista...

(Boum...! 'Na bomba... Aiuto, el prete!)

— L'è andà zò dal farmacista!

— Manco mal, che in te sta tomba,
10par de vìvar nel butier...

(Boum!... Madona! N'altra bomba...)

— L'è andà zò dal formaier...!
 

*
* *

Passa un secolo de ani,
che se ciapa e reumi e tosse,
15ma par aria gh'è i taliani,
che i fa un roon che se conosse..

[p. 156 modifica]


Semo salvi... Fora, fora,
dal martirio — Oh Dio Signor,
quanto tempo e dopo ancora
20duraràlo sto teror!?

Don, Don, Don, Don, Don...

Eco el Rengo traditor!12

IV.

Gran miracoli se vede
da no dirli gnanca in ciesa;
l'è una forsa, una sorpresa
l'è un «Don Don» che se ghe crede...

5No l'è el Rengo del Consilio,
che fa crèssar la polenta13
ma una musica portenta,
che ne manda in visibilio...

Don... Don... Don...

[p. 157 modifica]


10Core gambe, sensa piombi;
respiremo a du polmoni
e le ale dei colombi
se spresona da la Tor...

Soto el sol de i ombreloni
15torna in moto la balansa,
e ci ha perso la baldansa
dà la spina al bonumor...

Don, Don, Don...

Viva el Rengo traditor!

[p. 158 modifica]


20La fontana de Verona,
pissa forte che la sona
come un globo de cristal...

E i tramvai, che la sa bela,
tira a man la campanela
25che i par mati in carneval...

Zò dai pòrteghi del Gheto,
co le çeste e col careto,
torna i sèngali14 al marcà...

Le barchete coi gelati,
30le morose coi pecati,

l'aqua in gelo col mistrà!



Note a cura de l'autor
  1. Rengo: arringo.
  2. quei dal giasso: venditori di ghiaccio
  3. angurie: cocomeri
  4. stófego: soffoco
  5. va a remengo: va a male il raccolto
  6. pisolando: dormicchiando
  7. rusa: sussurra
  8. sè: sete
  9. s-ciopeta: scoppietta
  10. impissar: accendere
  11. cornete: trombe
  12. Nel senso che avverte d'improvviso.
  13. Una volta quando la torre chiamava a consiglio, quelli giù dalla piazza gridavano: Ancò cresse la polenta!
  14. sengali: zingari