Pagina:I sogni.djvu/158

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Semo salvi... Fora, fora,
dal martirio — Oh Dio Signor,
quanto tempo e dopo ancora
20duraràlo sto teror!?

Don, Don, Don, Don, Don...

Eco el Rengo traditor!1

IV.

Gran miracoli se vede
da no dirli gnanca in ciesa;
l'è una forsa, una sorpresa
l'è un «Don Don» che se ghe crede...

5No l'è el Rengo del Consilio,
che fa crèssar la polenta2
ma una musica portenta,
che ne manda in visibilio...

Don... Don... Don...

  1. Nel senso che avverte d'improvviso.
  2. Una volta quando la torre chiamava a consiglio, quelli giù dalla piazza gridavano: Ancò cresse la polenta!
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/158&oldid=66710"