Angelica e Medoro (fantasia)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
Angelica e Medoro (fantasia)
Citassion de sto testo
XIX secolo
Edission e fonte ▼
[p. 21 modifica]
ANGELICA E MEDORO


(Fantasia).


Quei sposini tacai come cerese,1
Delizia e maravegia del paese,
M'à stuzzegà gersera l'estro mato
De sbozzarve in do segni el so ritrato.

5In mezo a un gran consegio
De mutrie e ciaciaroni sfogonai2
Che parla in diese per capirse megio,
Vestia de zalo3 vedarè una vecia
Con vose gnaga4 da sbusar la recia,
10Un par d'ocieti grisi e petolai,5
Un muso tuto grespe e caramai;6
E cussì garba,7 in tanta so malora,
Che 'l pessecan la spuarave fora.

El cavalier par un osel de note,
15Anzi un automa co le suste8 rote:

[p. 22 modifica]

Tuto quanto ingobà, storto, ingranfio;9
Per saludar el slonga el colo un mio,10
E tirando su e zo la capelina
Quindese volte el scassa11 la testina,
20Restando un'ora co la felpa12 in man
Come l'orbo ch'aspeta el carantan.
Co le zampe davanti a picolon,13
Tegnindose l'ombrela soto 'l brazzo,
El va zirando intorno a zopegon14
25Come chi tenta caminar sul giazzo,
E scoverzendo la zentil sirena
Par che 'l se storza el filo de la schena.
Tirando una carega15 al taolin,
A onza a onza el ghe se fa vicin;
30El ghe parla, el ghe ride, el la carezza,
El va in brodo de viole, el se imborezza,16
E quando la fa segno
D'andarsene, el xe là pronto a servirla,
A tegnirghe la borsa, a rivestirla,
35A meterghe la sciarpa sul scufioto,
A drezzarghe le pieghe sul daoto.17
E come, terminada la funzion,
El vescovo scortà dal capelan
Fra mile repetoni se la moca,18
40El nostro cavalier
Sporzendo 'l brazzo a la so dolce arpia
In tuta gloria el se la porta via.


[p. 21 modifica]Il componimento Angelica e Medoro è in dialetto istriano. Come si capirà facilmente, volli comprendere in questa raccolta anche le poesie che Giglio Padovàn scrisse in dialetto istriano, senza sottilizzare sulle sfumature che possono esistere fra l'una e l'altra parlata (l'istriano ha maggior impronta veneta, mentre dal triestino non sono sparite tutte le traccie dell'antico friulano o ladino) e ciò per non defraudare i lettori di alcuni fra i componimenti suoi più graziosi. Questo, che l'autore chiama Fantasia, è invece un quadretto dal vero. Quando il poeta la scrisse, circa quarantacinque anni or sono, tutti ne riconobbero gli originali. Lui era un funzionario della Luogotenenza austriaca: la dama, molto più vecchia di lui, sembra, una sua parente. La descrizione delle due figurine è fatta con evidenza maravigliosa.



Note
  1. cerese, ciliegie.
  2. mutrie, brutte faccie; ciaciaroni sfogonai, chiacchieroni sfegatati.
  3. zalo, giallo.
  4. vose gnaga, voce stridula.
  5. ocieti grisi e petolai, occhietti grigi e cisposi.
  6. grespe e caramai, rughe e sottocchi.
  7. garba, agra, aspra: in questo caso brutta, ostica.
  8. suste, molle.
  9. ingranfio, ingranchito.
  10. un mio, un miglio.
  11. scassa, scuote.
  12. la felpa, il cappello di feltro.
  13. a picolon, penzoloni.
  14. a zopegon, zoppicando.
  15. carèga, sedia.
  16. el se imborezza, va in zurlo, si ringalluzzisce.
  17. sul daoto, sul didietro, scherzosamente.
  18. fra mile repetoni se la moca, fra mille inchini, se la batte.