Al Muniçipio

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
XXXIX. Al Muniçipio
(a Riccardo Selvatico, sindaco di Venezia)
1892
←  XVIII. A Bianca Edission e fonte ▼ XL. A Toni Fradeletto  →
[p. 47 modifica]
XXXIX.


AL MUNIÇIPIO

(A RICCARDO SELVATICO, SINDACO DI VENEZIA)

1


Al muniçipio gh'è un viavai de zente,
Parenti e amiçi no vol pèrdar l'ora.
Che gala de vestiti! che imponente
Sala! e i do sposi no se vede ancora.

Tuti parla, se basa, se dà fiori,
Che, senza scherzi, i par i sposi lori.

Qua un streta de man, là un'altra streta,
Senza lagnarse tuti quanti aspeta.

[p. 48 modifica]


2

Ecoli, ecoli qua. Vestia de rosa,
Comossa da quel dì tanto aspetà,
A brasso del compare entra la sposa,
E drio comare e sposo. Ecoli qua.

Dise le omene: "mo che bel sposin"
E i omeni: "che rosa de zardin.

Che sposa, che tesoro, che beleza!"
E le amighe la basa e la carezza.

3

Entra el Sindaco. I sposi xe al so posto
Col pronto sui lavri inamorai.
Eco la gran domanda, eco risposto.
Quei do cuori per sempre xe ligai.

Oh che freve, che freve in quel momento!
Parenti e amiçi se tratien a stento.

Tuti li basa, tuti ghe fa strada...
Viva, viva la copia inamorada!

[p. 49 modifica]


4

Chi sa che bei pensieri, che tempesta
De memorie e speranze in quei do cuori.
In quel bel zorno, in quela prima festa,
I scorda dela vita ansie e dolori.

L'amor li unisse, e quando gh'è l'amor
Bate più forte e vive alegro el cuor.

Ah se l'amor durasse eterno!... Un dì,
Forse, chi sa? me sposaria anca mi.