Ai putei triestini

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Ai putei triestini
XX secolo
Edission e fonte ▼
[p. 121 modifica]
AI PUTEI TRIESTINI.1


O fioi2 beati, che godè Trieste
Nei giorni dela sua liberazion
E no gavè provado le tempeste,
Le infamie, el disonor de l'opression,
Pensè che sacrifizi e quante teste
Ga costado la nostra redenzion,
E benedì, per i passadi afani,
La bela sorte d'esser italiani!

O fioi, che vivarè liberi e forti
Nel regno de giustizia e libertà,
Savè che i noni xe vissudi e morti
Col santo sogno de italianità;
Savè quante ingiustizie e quanti torti
Pativa in gioventù i vostri papà,
E tramandè ai nevodi3 più lontani
El giusto vanto d'esser italiani!

Fioi, che vedè da la matina a sera
Sventolar su Trieste el tricolor,
Ricordeve la forca zala e nera,
I martiri de Trento, de Belfior,

[p. 122 modifica]

Sauro, Oberdàn!... Giurè su la bandiera,
Pegno de fede, de speranza e amor,
Che no soportarè mai più tirani,
Mostrando al mondo d'esser italiani!

O fioi, che studiarè la patria storia,
Le vite dei eroi de libertà,
Adesso che godè la gran vitoria
Che za Dante e Mazzini ga sognà,
Basè4 le bele pagine de gloria,
I nomi sacri a l'imortalità
E, per i nostri Geni sovrumani,
Mostrève5 degni d'esser italiani!



Note
  1. Ai putei triestini, ai fanciulli triestini
  2. fioi, figliuoli, ragazzi
  3. nevodi, nipoti
  4. basè, baciate
  5. mostrève, mostratevi.