Pagina:Trieste vernacola.djvu/145

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
AI PUTEI TRIESTINI.1


O fioi2 beati, che godè Trieste
Nei giorni dela sua liberazion
E no gavè provado le tempeste,
Le infamie, el disonor de l'opression,
Pensè che sacrifizi e quante teste
Ga costado la nostra redenzion,
E benedì, per i passadi afani,
La bela sorte d'esser italiani!

O fioi, che vivarè liberi e forti
Nel regno de giustizia e libertà,
Savè che i noni xe vissudi e morti
Col santo sogno de italianità;
Savè quante ingiustizie e quanti torti
Pativa in gioventù i vostri papà,
E tramandè ai nevodi3 più lontani
El giusto vanto d'esser italiani!

Fioi, che vedè da la matina a sera
Sventolar su Trieste el tricolor,
Ricordeve la forca zala e nera,
I martiri de Trento, de Belfior,

  1. Ai putei triestini, ai fanciulli triestini
  2. fioi, figliuoli, ragazzi
  3. nevodi, nipoti
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Trieste_vernacola.djvu/145&oldid=65914"