Trattato di pace con Mohammed II

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Trattato di pace con Mohammed II
1454
Edission e fonte ▼

1454 Adì 18 aprile (Commemoriali XIV)

Pax cum Imperatore Turcorum existente oratore domino Bartholomeo Marcello.


Mi gram Signor et grande Amira Soldam Mahamet Bey fio fo del gram Segnor et gram Amira Morat bey Juro in Dio creator del Cielo et dela terra et in el gram propheta Mahamet et in li VII Musaphy che tegnimo et confessemo nuj Musulmani et in li XXIVm propheti de dio o più o meno et in la fede che mi credo et confesso et in l'anima de mio padre et in lanima mia et in la spada che me zenzo1. Conciosia che la mia Segnoria havesse per avanti paxe et amicitia cum la Illustrissima et Excellentissima deta Signoria de Venexia et habiano voluto far nuovo Sagramento cum la mia Signoria a confermation dela prima paxe confermada adì X del mese de septembrio in l'anno 6960 indictione XVa in Adrinopoli per la vegnuda del spectabel misier Lorenzo Moro honorevole Ambassador dela prefata Illustrissima deta Signoria. Et habiano mandato el glorioso et nobelissimo et honorado zentilhomo Ambassador degno dela prefata Illustrissima deta Signoria de Venexia misier Bartholomeo Marcello per confirmation et reformation dela dita paxe ac etiam de certe dechiaration de nuovo contrato como aparerà in li sotoscripti Capitoli oltra la forma de la predita prima paxe reformadi et conclusi infra la mia Signoria et la prefata Illustrissima deta Signoria. Perho io gram Signor et gram amira soldam Mahamet bey prometo per li soprascripti sagramenti che de sopra ho zurado che come era la paxe et amicitia per avanti cum la prelibata Illustrissima deta Signoria de Venexia cum li zentilhomeni soi picoli et grandi et cum tuti altri suo subditi et colegadi ho fato et faso fedel bona e dreta et pura paxe et senza dolo per mar et per terra citade terre et Ixole et luogi che lievano et confalon de San Marco et quante levarano dancò inavanti et in le cosse che i possiedeno al di dancuo et quelle che i possiederano in el tempo ha a vegnir la prelibata Illustrissima deta Signoria de Venexia.


Capitoli dela prima paxe.


Primo: niuno deli subditi et homeni che siano sugeti et che se sotometesse ala mia Segnoria faza algun danno ne che mi mel meta pur in el animo ne consentir che el se faza algun danno over impazo per comandamento et voluntade dela mia Segnoria. E per alguna caxon alcun cativo homo dela mia Segnoria non debia far danno over impazo al comun de Venexia. Et se per questo vegnisse alguna notitia over rechiamo ala mia Segnoria, Io lo debia castigar condecentemente segondo el suo delicto per exempio de altri che se reguardino de far algun danno o ver molestia ala Illustrissima deta Signoria de Venexia et nuoxer a quelli che sera sta principio del mal, possando quelli castigar e correzer; simelmente debia far la Illustrissima deta Signoria de Venexia verso la mia Segnoria et verso tuti i mie luogi.

Item se per alguna caxon se atrovasse homo over homeni i quali avesse fato tratado over tradimento contra la Illustrissima deta Signoria de Venexia per tradir cittade terre castelle caxal o ixola overo altro ala mia Segnoria over a homo dela mia Segnoria, debia comandar la mia Segnoria che la restituisca indriedo et le cosse che fosseno sta tolte dal dì danchuo debia comandar che se renda salve cum integritade alla Illustrissima deta Signoria de Venexia. Simelmente debia far la Illustrissima deta Signoria de Venexia.

Item se homo che fosse subdito dela mia Signoria scampasse per furto over tratado et tolesse roba de Musulmani et fugisse in luogo de Venitiani et trovassesse, debiasse restituir la roba insieme cum lo homo. Simelmente la granda mia Segnoria debia far verso la Illustrissima deta Signoria de Venexia.

Tuti i mercadanti et subditi della Illustrissima deta Signoria de Venexia cum le sue robe et cum zò che haverano, navilij, navi, fuste grande et picole habiano libertà d'intrar et insir vender et comprar per tutti i luogi della mia Segnoria e quante volte i vorano et in li luogi dei homeni nostri suzeti et sotoposti ala mia Segnoria como era consueto in prima in la prima et bona paxe, siano salvi in mare et in terra como era uxado avanti in el tempo de mio padre.

Simelmente debia far la Illustrissima deta Signoria de Venexia.

Dele galee et fuste armade che insirà de Galipoli et altri luogi dela mia Segnoria et de quele che se trovasseno fuora del streto se fasi la usanza che fora prima.

El Duca de Nixia et suo fradelli: Item li Zentilhomeni soi et homeni loro cum i suo luogi et cum quel che i hano, navilij, galie et fuste cum le suo robe siano in la paxe. Et che non siano obligadi de tributo over algun altro servixio ala mia signoria. Ma sia in la subiection de la Segnoria de Venexia come son stati da prima. E debiano passar per homeni venetiani.

Quante galie et navilij nave et fuste grande et picole merchadantesche dela mia Segnoria che insira fuora del Streto de Galipoli et daltri luogi dela mia Segnoria dove che se trovasse debiano haver da venetiani bona compagnia et paxe. Simelmente quelle de Venetiani per quanto segnorizza la mia Segnoria in terra et in mar siano simelmenti salvi.

Debiano dar ala mia Segnoria per Nepanto al anno del mexe de fevrer lo limitado segondo lo consueto, che sono ducati 100 dele intrade de Nepanto como daxevano a mio padre. E per le terre che tieno in lo confine dela mia Segnoria in l'Albania in lo luogo del Balsa, Scutari, Alexio et Drivasto per i qual daxevano a mio padre ducati 200. Et habiando tolto dele man dela Segnoria Drivasto debiano dar per Scutari et Alexio ducati venetiani 136 che suma in tuto ducati 236 al mexe de Fevrer e che sia tegnudo el Bajulo che sera in Costantinopoli mandar alla mia Segnoria ducati venetiani 236.

Item tuti li mercadanti venetiani et che per Venetiani sono reputadi dove che sieno per tuto el luogo dela mia Segnoria stando andando venendo mescolandose cum Venetiani in comprar et vender, et algum rumpesse over facesse alcuna altra cativitade, che non sia tenudo ne impedito l'uno per l'altro. Simelmente li mei mercadanti in li luogi de Venitianj.

Item se per algum caxo schiavo over schiava de Venetianj per alguna caxon che se fosse se atrovasse in luogo dela mia Segnoria e che el fosse fugido e che homo lo avesse involado che sia subdito dela mia Signoria e fosse deventa Musulman debia dar per ogni schiavo aspri mille moneda dela mia Segnoria. Veramente se el fosse Cristiam quello debo render in dredo senza alguna recusation. Simelmente i Venitiani alla mia Segnoria.


Capitoli da nuovo contracti.


Questi sono certi Capitoli dannovo contracti et reformadi et conclusi cum lo Illustrissimo gram Segnor Turcho per el mezo del spectabel Misier Bartholamio Marcello dignissimo Orator della Illustrissima et Excellentissima deta Signoria de Venexia oltra la confirmation dela avanti scripta prima paxe. Et prima:

Che cadaum Venetiani e che per Venetiam sono reputadi in chadaum luogo del prefato Illustrissimo Segnor et specialiter qui in Constantinopoli, cussi quelli sono reputadi Venetiani de presente como in lo avegnir possino star vegnir, et partir cum le suo fameie senza algum timor et impedimento liberamente sì per mar come per terra cum suo galie et nave et navilij et suo mercadantie condur et vender et comprar, siando tegnudi pagar el comerchio solamente de tuto quello i venderano 2 per cento. E de quello non serà vendudo possino trar liberamente per dove i vorano senza pagar algun comerchio.

Item tute Mercadantie che se trazerano per investida paga do per cento.

Item che tute galie et nave et navilij de ogni sorta che passerano per questo luogo si in lo andar como in lo vegnir debiano sorzer in el porto de Constantinopoli solamente et tuor quello li piaxerà et partirse liberamente.

Item tute teste che serano condute de mar mazor stando de nation christiana se possi condur etiam per dove li piaxera liberamente. Et se alguna ne fosse venduda pagar se debia do per cento dechiarando chel non se possi condur del dito luogo alguna testa musulmana et essendo conduta sia presa senza refar algum pagamento.

Item tuti mercadanti Venetiani che dele parti da basso condurano cum lor a suo servitij algun fameio o servo o libero et sia de che condition se voia non li si possi dar algun impedimento over molestia e questo ancora se intende ai Mercadanti sono de presente in questo luogo.

Item non voiando el dito Illustrissimo segnor che nium de Pera che fosse debitor a Venetianj pagasse, pur ha contentà che tuti Zenovexi possino esser astreti a pagar i lor debiti excepto quello o la valuta che el dito segnor Turcho havesse fato tuor per forza che fosse sta roba de quello venetian crededor.

Item che le intrade che havea el Patriarcha de Constantinopoli in tuti i luogi dela Illustrissima deta Signoria de Venexia in tempo del Imperador de Costantinopoli cussi haver le debia de presente.

Item che tuti li Mercadanti delo illustrissimo segnor Turcho andarano cum suo mercadantia in lì luogi dela Illustrissima deta Segnoria de Venexia non debia pagar de più de comerchio de quello fano venetianj in li luogi del dito Illustrissimo Segnor ma cussi debbiano pagar.

Item tuti i navilj de Mercadantia de i subditi dell'illustrissimo Segnor che fosseno incalzadi sopra algum porto dela Illustrissima deta Segnoria de Venexia dove sera cità over castello over altra forteza si chel se possi defender che la prefata deta Illustrissima Signoria de Venexia sia tegnuda suo posse a farli defender come suo proprij. E lo simile e tegnudo a far el dito Illustrissimo Segnor.

Item tuti i parichi del dito Segnor che fugirano et vadino entro i luogi dela illustrissima deta Signoria de Venexia quella sia tegnuda farli restituir de presente. Et sia de che condition se voia: E per lo simel se debia observar per lo predito illustre Segnor.

Item occorando caxo rumpesse over pericolasse alguna galia over nave et de ogni altra condition navilio dei subditi dela Illustrissima deta Signoria de Venexia in tuti i luogi sottoposti al dito Illustrissimo Segnor chel sia tegnudo ed obligado far far cum integritade satisfation del haver et homeni et navilio a chi i partegnissi de tuto quello fosse scapolado e liberado senza algun impedimento liberamente. Et lo simile se debia observar per la Illustrissima deta Segnoria de Venexia.

Item tuti quelli Venetianj over reputadi Venetianj che mancherà over morirà in tuti i luogi sotoposti al dito Illustrissimo segnor Turcho senza testamento over idonea ordination et senza herede, chel non sia del suo alguna cossa tocado ma sia fato far per el Baiulo et chadì et subassi del luogo uno vero inventario del tuto el suo debiando restar tuto in desposito in le man de misier lo baiulo. Et sel fosse in luogo dove non fosse Baiulo et fosse algun Venetian restar debia in le man de quello per lo modo dito per fin atanto chel sia produte lettere dela Illustrissima deta Segnoria de Venexia che dechiari et comandi a chi dar se doverà tute cosse.

Item che a tuti i nimici del dito Illustrissimo Segnor la prefata Illustrissima deta Segnoria de Venexia non debia ne possi dare algun subsidio ne adiutorio de galie nave ne de alguna altra sorta navilij ne per via de falso nolizamento over per algun altro modo ne arme ne vituarie ne adiutorio de homeni ne de danari voiando vegnir contra el Stato del dito Segnor over suo luogi et subditi. E questo medemo observar de lo dito Illustrissimo Segnor verso la Illustrissima deta Segnoria de Venexia.

Item tuti i castelli citade forteze che la Illustrissima deta Segnoria de Venexia ha in Romania et Albania non debian aceptar algun inimigo over traditor del dito Illustrissimo Segnor ne darli subsidio ne passo ne per mar ne per terra. Et se cussi la prefata Illustrissima deta Segnoria non observerà el sia in libertà del dito Illustrissimo Segnor contra quelle tal terre et castellj far quello li parerà. Et niente meno la paxe non interrupta ne violada se intenda. E lo simel observar se dè per lo prefato Illustrissimo Segnor verso la Illustrissima deta Segnoria de Venexia.

Item la Illustrissima deta Segnoria de Venexia possi et voglia ad ogni suo buon piaxer mandar in Constantinopoli Baiulo cum la suo fameia segondo sua uxanza el qual habia libertà in Civil rezer el governar et justitia amministrar infra suo Venetiani de ogni condition obligandosse el dito Segnor far chel suo subassi darà ogni favor al dito Baiulo sempre che per lui sera rechiesto bixonandoli per far lo officio suo liberamente.

Item tuti i danni che sono stati fati avanti el caxo de Constantinopoli per i subditi del Segnor a tuti Venetiani si in haver come in persona provando idoneamente el dito Segnor è contento et cussi se obliga che tuti siano restauradi integramente. E simelmente sia tegnuda la Illustrissima Segnoria de Venexia observar de converso.

Item che venetianj possi condur cum lor galie et nave ogni sorta argenti in piatine et altro modo et lavoradi et roti et de tuti li possi vender et navegar et in ogni luogo del dito Illustrissimo Segnor comprar trar et remeter dove li parerà et piaxerà liberamente senza pagar algun comerchio dechiarando che tuti quelli arzenti non lavoradi et roti ma altri si i sieno tegnudi qui a presentarli a quello dela Zecha e quelli farli bollar. Et possi disponer quello i parerà et piaxerà ut supra.

Item che cussi como quelli de Constantinopoli non deno ne voiasse i sieno astreti che per el simel i nostri de simel condition non siano constreti sì che non si possi adimandar l'un al altro de debiti creadi fin al caxo del dito luogo.

Le qual tute cosse si nuove como vechie che a nui parse far et scriver havemo fato et scripto et compido et per tuto, zurado e fermade et statuide et ordenade et firmiter per nui tenute et observade firmiter et veraciter per tuti li supracripti juramenti scripti et zuradi volemo haver fermo et rato sempre per fin che quello observerà et fermo haverà la prelibata Illustrissima deta Segnoria de Venexia. E per fermeza ho fato lo presente zuramento et scripto.


Datum a creatione mundi 6962 adì 18 Aprile Indictione II in Constantinopoli.




Note
  1. it. cingo (N.d.R.).