Son resolto, son resolto, Signora

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 61 modifica]


CANZONETTA


DI


PAOLO BRITI.


    1Son resolto, son resolto, Signora,
Za che fè, za che fè sì la granda,
De tirarme da banda.
Per fin che in borsa gh'è sta del danaro
Mi ho fato el corivo, el polaco, el bizaro;
Ma adesso che manca l'arzento
Del tempo mal speso a me costo me pento
                            A me costo me pento.
    2Podessè, podessè domandarme
Da che vien, da che vien ste parole,
Con el dir, le xe fole.
Mi no ve burlo, ma digo da seno,
Sapiè ch'ogni cossa col tempo vien meno,
Anca mi gera rico e potente
Ma adesso per vu no me trovo più gnente
                            No me trovo più gnente.
    3In quel primo in quel primo mio fumo
Mi stimava, stimava i zechini
Co' se fa i bagatini,
Mi, boni polastri, galine e caponi,
Lamprede, branzini, variòli, sturioni;
Ma adesso son tanto grameto
Che stage tre dì che no magno un paneto
                            Che no magno un paneto.

    4E chi è causa, chi è causa, Signora,
Se le care, le care dolcezze
De le vostre belezze,
Con ati, con gesti, con scherzi vezzosi,
Con mile lusinghe, con sguardi amorosi
Me incitava a servirve ad ogn'ora?
Ma adesso m'acorzo che son in malora
                            Che son in malora.
    5Preparève, preparève a trovarve
Dei morosi, morosi più cari
Ch'abia roba e danari.
Perfin c'ho podesto portarla cimada,
Portar el zancheto, manopola e spada
Son stà forte per tuti i cantoni;
Adesso no ho bezzi, son re dei minchioni
                            Son re dei minchioni.
    6Mi no posso, no posso durarghe
A una spesa, a una spesa sì grossa,
Trovè pur un che possa.
Vu sempre a la tola volè bon vedèlo,
Bon lesso, bon rosto, bon vin moscadèlo,
La me borsa no pol far ste spese,
Mi bisogna che vaga in altro paese
                            In altro paese.

[p. 62 modifica]

    7Me n'ho acorto, n'ho acorto gier sera
Che me davi, me davi del grosso
Perchè più mi no posso.
Co 'l cesto no porta dei boni boconi
Gh'è storti mustazzi, gh'è bruti grugnoni.
Nò, nò, no voi far più sta vita
Xe passado el martel, la me pena è finita
                            La me pena è finita.
    8I danari, i danari xe spesi,
No gh'è più, no gh'è più vestimenti,
No gh'è più adornamenti.
Mo vaga per quando portava ormesini,
Capoti de raso, veludi ben fini!
Mi adesso son senza ducati
Che paro per strada el gastaldo dei mati
                            El gastaldo dei mati.
    9Debitor, debitor son a tuti;
El dolor, el dolor, la mia dogia
Xe d'andar in Carcogia.
Se vago per piazza camino con tema,
Sto cuor fuor del corpo me salta me trema,
Tal ch'è megio che sona de arpa
Che fazza el fagoto, che bata la scarpa
                            Che bata la scarpa.

    10Dève pur, dève pur dei solazzi
Co l'andar, co l'andar in barcheta,
Col sonar de spineta;
E a forza de gusti, de soni e de canti
Cerchè de tirar in la rede i amanti,
Che per mi no gh'è canti nè soni,
Son costreto a scampar dai balconi
                            A scampar dai balconi.
    11E se dòna, se dòna del mondo
A sto passo, a sto passo me tira
Che per ela sospira,
Voi tior sentenza de perder un ochio.
Una man, una spala, una gamba, un zenochio:
Son scotà, son scotà da sto fuogo,
Chi vol andar soto ghe lasso el mio liogo
                            Ghe lasso el mio liogo.
    12E con questo, con questo Signora,
Col cantar, col cantar mi ve lasso,
Caminando de passo.
Dève bon tempo coi vostri corìvi,
Pelèghe la borsa per fin che i xe vivi,
Che per mi no val più le graziete
Renonzio a ogni cosa; è fenì le gazete
                            È fenì le gazete.



Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845 (page 70 crop).jpg