Poveri veceti!

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Poveri veceti!
XX secolo
Edission e fonte ▼
[p. 126 modifica]
POVERI VECETI!


Dò poveri veceti
No i voleva più al mondo tribolar,
E abraciai streti
I se xe andai negar.
lera do onesti, boni
Come el pan, i sgobava
Tuto el giorno, e i campava
Se no da signoroni,
Cussì i se la passava
Ala meio, e ogni aneto
A furia de lavor, de economia,
I fazzeva el viageto,
Ma no i butava via.

Un giorno, — bruto giorno, —
Ga scominzià1 el lavor a scarseggiar;
I veci se ga dà la man atorno
Per poter rimediar;
Ma, oh Dio, la sartoria
Iera de stampo antico come lori,
E a poco a poco a poco xe andai via
Quasi tuti i lavori.

[p. 127 modifica]

Garzone e lavorante
Dala matina a sera,
Iera spesso de bando,2
De sabato la paga tuta intiera
De quando in quando
Mancava, e i do veceti
Impegnava, impegnava
Fin i lenzioi dei leti.
Ma tuto inutilmente;
No tornava el lavor,
E licenziar la gente,
Poveri, i ga dovesto con dolor.

Iera una bela sera.
Un bel ciaro de luna, un ciel brillante
De milioni de stele;
Cantava primavera
Le sue strofe più bele:
De amor el gran mistero
Nel peto de ogni amante,
E in cor dei do veceti
Colpidi da la sorte,
Come diamante nero,
Brilava la salvezza nela morte.

[p. 128 modifica]


Da più de un'ora a tavola sentai3
No i fazzeva parola.
Avilidi cussì noi iera mai,
El pianto ghe fazzeva gropo in gola.
Nudava i oci in lagrime, dal cor
I sospiri vigniva suso, come
El rantolo de chi sta per morir.
Che strazio! Che dolor
Che no ga nome!
Meio, meio finir!

— Meio, meio morir, no xe altro scampo.
No la xe vita questa!...
Disi el veceto alfin, e come un lampo
L'istessa idea balena de ela in testa.
Tuti frementi dala comozion
 se alza, i se guarda fisso in viso,
E in un slancio de amor e de passion
I se abrada, i se basa...
Fata una volta la risoluzion,
I se vesti, i va fora, i sera casa.

I va, i va, i va, streti a brazzeto
Come do sposi che va a far l'amor;
I par contenti, i par, ma drento in peto
Incalza la tragedia del dolor.

[p. 129 modifica]

Xe el ciel tuto stelà, la luna viagia,
Susura el mar che rompi sula spiagia,
E par che zento vose
Lontane, misteriose,
Con cupa melodia
Canti dei do veceti l'agonia.

I va, i va, i va! Ecoli in mar,
L'aqua i piedi ghe bagna...
I se ferma... El veceto vol basar
L'ultima volta la cara compagna...
E avanti, avanti, avanti...
Xe una note de amanti.
Dei do veceti el cor palpita forte.
Splendi la luna che ghe bati in viso,
I fa l'amor adesso cola morte...
Dopo i farà l'amor in paradiso.

I va, i va, i va — za fin al peto
Xe l'aqua... fin al colo...
Un baso ancora, poveri veceti...
Un baso, un baso solo...
L'aqua se sera su do teste bianche.
Su quele anime stanche
Che no ga avù fortuna....
.... E tramonta la luna.



Note
  1. ga scominzià, è incominciato.
  2. de bando, in ozio — È facile notare in tutta questa poesia un sapore troppo letterario; tuttavia la sentimentalità dell'argomento in parte scusa questa menda.
  3. sentai, seduti.