Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


possession en la dita possession altri cha mi. E se altro no se trova digo che la possession è mia quieta nì de raxon no dè perir la mia raxon se per ignorancia nostra algun avesse aquistado alguna parte de la dita possession, niente men io son aprestado de esser alo vostro zudisio sì co ben ve par e piase. E de fato de possessio (del fatto di possessione) parla lo statuto claro, che negun ha raxon en lo possessio se lo no possiede segondo la raxon de lo statuto, a lo qual io digo aver possedudo e posseder quieto per le raxon sovra scrite; e per zò Jo supplico a lo vostro saver, che se en alguna cosa le me raxon (le me ragioni) per mia negligencia portasse defeto che vu adimple segondoche ve par e che se conven de raxon.

(Codex Publicorum Civitatis Venetiarum ex authentico desumptum. Pars ii. Sententia lxxxvii. Class, v.n. viii. p. 752).

5. Capitolo I. degli Statuti (Mariegole) della Confraternita di S. Martino, scritto l'anno 1335.

Questo, e qualche altro brano di questi Statuti o Matricole trovansi esattamente trascritti dal Codice originale, nel Volume Terzo, Parte Prima delle Memorie di Storia Letter. ec. Ven., Valvasense, 1754, in 8. c. 20. Il suo principio è come segue:

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/34&oldid=66244"