Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Capitolo primo del primo pruologo

Quanto la presente uita sia labelle (labile) e chazevole (caduca) la humana fragilitade apertamente lo demostra. Perche lo misero hom fi ponto (uomo fu punto) dale solecitudene del mondo. E sempre fi inuolto e insozado (reso sozzo) da peccadi e ligado da ligami della soiezion (suggezione) del demonio dal inferno. Che sicome dixe la scritura lo fantesin de un dì (il bambino d'un giorno) noe (non è) senza peccado. E missier sen Zane (messer S. Giovanni) dixe: Senuy (se noi) dixemo chenuy (che noi) no abiemo peccado nuy medieximi se inganemo (c'inganniamo) ec.

6. Istrumento di vendita d'uno Schiavo, scritto l'anno 1365.

Nelle sopraccitate Memorie di St. Letter. Ven. Valvasense, 1754 (Tom. iv. P. ii. c. 21) si riporta questo curioso Istromento scritto nel volgare veneziano. Notabile riescirà il leggere un vecchio Documento di jus servile presso i Veneziani, da cui apparisce espresso il consenso di uno Schiavo di passare da un padrone ad altro.

In nome de dio amen in mille e trisencto e lxv adi xxii del mese di feurer in

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/35&oldid=66245"