Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/33

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


no fosse stado continuo en possession de la dita peschera digo che salva la pase de chi lo volesse dir altro sì son che no se mostra che nì comun nì deviso (division) sia en possession altri cha mi, nì per carta nì per description nì per altro modo. Se algun me valesse opponer che comun e deviso avessa tolto alguna cosa de le mie raxon per algun tempo sì per possession co per noticia o per algun altro modo che se volesse dir, digo che li me antessori (antecessori) è stà omeni mercadanti e omeni ch'è stadi la più parte del tempo fuora de la terra et e morti tuti zoveni omeni. E per questa via nu semo romaxi continuo a reze (forse a regime) de femene sì che alguna cosa de nostre raxon fosse tolta nì per comun, nì per deviso digo che defeto è stado, perchè nu no avemo abudo chi sostegna le nostre raxon per le caxon sovrascrite. E se io no ve mostrasse alguni de li confini de la dita mia possession digo che perzò la mia raxon no dè perir, perchè molto è mudade le condicion nì per descricion de omo se porave mostrar, ma salva la paxe de chi volesse dir altro, no se trova che nì comun nì deviso ebia alguna raxon en la dita peschera altri cha mi per le raxon sovrascrite. E parlando cum vostra reverencia digo che en prima fazza questo è da cognosser a lo vostro saver se comun nì deviso ha alguna raxon, per carta nì per

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/33&oldid=66243"