Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


vaticani, dicendolo egli stesso, ove riflette sopra un codice della Cronaca del Dandolo ivi riposto. I passi di questi Cronisti, quali si leggono presso il Lucio sono i seguenti:

Il passo tratto dal primo di essi, che sembra più vecchio dell'altro, si riferisce ad un fatto avvenuto nel Dogado di Vital Michele."

Nel tempo del dito Doxie I. l'Arcivescovo de Gali de Zara presume quasiolla Signoria de quella a tegnirse e siando Capetanio e rettor tolto per i Zittadini honde el dito M. lo Doxie de zio sentido fece Armata e mando Capetanio de quella M. Domenego Morexini el qual per forza e per soa providitade quella reduse sotto el Dominio Dogal ella romaxe el dito M. Domenego chon gran compagnia e posa de Vinitiani ellombarbi per tegnir el forschello a quelli traditori Zaratini che spesso revella e questa folla terza fiada ch'elli revella.

"Il luogo del secondo s'aggira sullo stesso argomento, e dice così:"

Anchora in questo tempo Zara che spesso revelava revelo la terza volta chazando fuora S. Domenego Morexini, el qual iera suo Conte e vedendo el dito S. Domenego esser revelada Zara subito

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/30&oldid=66237"