Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


venne a Venexia e disse como Zara se haveva dada all'Arcivescovo de Zara de Gali. aldando questo la Signoria de Veniexia feno un Armada con grandissima xente e fo molto tosto mandada via e fo Capetanio suo zeneral da Mar el predito S. Domenego Morexini el qual Capetanio finalmente chombatendo Zara dagandogli de grieve battaie quella prexono per forza regovrando quella dalle man del Arcivescovo suo chavo, ec.

4. Allegazione di Marco Sanudo scritta il dì 21 Luglio 1329.

Il seguente Frammento è un'Allegazione scritta per ottenere favorevol sentenza in una quistione di possesso. Sta, con altri squarci dettati in Dialetto veneziano, nel libro mss. conosciuto sott'il titolo di Codice del Piovego, di cui esiste una copia nella Marciana. Quest'opera, scritta nella maggior parte in latino, offre una serie di antiche Costituzioni che risalgono al decimo secolo, e continuano sin all'anno 1330: miniera preziosa di notizie, dalle quali s'apprende quali fossero le uccellagioni, i pascoli, le vigne, i boschi, i mulini che stavano sparsi tra le nostre isolette, e quali fossero le leggi civili, criminali e nautiche de' Veneziani antichi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/31&oldid=66238"