Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/275

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Se te vede, nonostante,
Per le strade con gran borïa,
E co un muso d'arogante
12Pien de soldi a spassizar.

Tiente in bon! ma 'l to' gran stato
No te fa cambiar l'origine,
Ti è un liberto schiavo nato
16E tal sempre ti sarà.

Co' ti è là, sù e zò passando
Per la Strada Sacra1 a gòderte,
La to' toga strassinando
20De sie brazza, a pian pianin,

Nò ti vedi, che a la zente,
Che te incontra, ti fa stòmego,
E che ognun liberamente
24Te ne dise a più poder?

“Vardè là la bèla zogia,
L'è quel Sior che à bùo le porcole;
E in maniera tal ch'el bogia
28Giera stràco dal gran dar!

E, in ancùo, le so' cavàle
L'Apia strada2 ne destèrmina,
E in Falerno el gà gran stale,
32Case e campi più d'un mier!

Sempre un posto predilèto
In teatro el vol, da nobile,
A la barba del decrèto

  1. La Via Sacra giera quela che conduseva al Campidoglio.
  2. L'Apia, conduseva a la Vila Falerno, dove sto stesso liberto Mena gaveva le so' gran possession.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/275&oldid=65242"