Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/262

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


42De alzarse contro i Greci, e le so' armàe;
Sichè de quel ch'è stà per tanti àni
Più no se diga gnente,
45Nè più tegnirò in mente
Quanto ò provà de bile e de' malani,
E Querin, benchè fio d'una Trojana,1
48Gh'el dono al pare, aciò più nol se afàna.

Che in questa regia d'oro
El staga pur, ch'el suchia in compagnìa
51El netare co' nù, ch'el sia contento
D'aver, anch'èlo, un voto in Concistoro!
No ghe xè più discòrdie, e mi so' zia,
54Ghe lo permèto, e a tuto ghe consento;
Purchè quel mar che ghè tra Roma e Troja
Nol sia tranquilo mai,
57E in dove soterài
Xè Pàri e Priàmo, a zapegar, co' i vogia,
Ghe vada i manzi, e frà quei sassi ròti,
60Che le tigre se sconda i so' tigròti;

Remenghi, a piacimento
Che i zira dove i vol, ma fermo staga
63El Campidoglio, e i Medi sogiogài
Sempre ai so' pie se veda, e che al momento
La Fama, sbampolando el nome, vaga
66Da mar a mar, fin dove separài
Xè da l'Europa i Negri, e a l'alto Egito

  1. Querin, ossia Romolo, giera nato da Ilia fia de Numitore descendente da Troja, e per conseguenza la gièra una trojana nemiga de Giunon. El pare de Romolo s'à volesto far creder ch'el fusse Marte, ed eco perchè Giunon se chiama per zia de Romolo, in grazie cioè che Marte giera fradelo de Giunon (se no falo).
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/262&oldid=65233"