Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/263

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


(Dove 'l famoso Nilo
69Alzandose sù, a filo
Bagna tuto el teren de quel bel sito)
Onde da tuti, Roma decantada,
72La sia temesta, amada e respetada;

Sprezzante, e mai bramòsa
De l'oro (che assàe megio soto tera
75Sarìa ch'el stasse sconto e mai più visto,
Più tosto che con man pecaminosa
Cavarlo de quei tempj, in dove el gièra
78Per farghene po' un uso infame e tristo);
Che le so' insegne scora in ogni logo,
Gloriose sempre mai,
81Tegnindo sogetài
E quei che xè frà el giazzo, o al Sol de fogo,
E quei che vive in quà, da st'altra banda,
84Esposti a le provenze e a piòva granda.

Vogio però e comando,
Che Roma, in avegnir, no tenta mai,
87Nè per amor de i vechi so' antenati,
Nè tropo in èla stessa confidando,
Che quele tòre e quei muri desfati
90Mai più se veda sù refabricai.
Che se mai, nonostante, sucedèsse
Che Troja fusse ancòra,
93Zuro, che in bota alòra,
Prima che gnanca l'aria lo savèsse,
Con nove trupe la farìa più opressa,
96Comandando l'esercito mi stessa;

E se, da novo, el muro
Febo tre volte ghe lo fabricàsse,
99Tre volte, co i mï Greci vitoriòsi
(Se più del marmo, o 'l bronzo el fusse duro)

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/263&oldid=65234"