Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/244

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


4Ne le guère de l'amor;

Ma in ancùo, che so' vechiòto,
E che sempre più ghe vedo,
Vogio aver el mio congèdo,
8E a ste cosse renonciar;

Donca, a Venere in te 'l tèmpio,
Sul murèto, a banda zanca,
Tute unite in t'una branca
12Le mie insègne tacarò;

Scomenzando da la Lira,
Che à cantà le mie prodèzze,
Che à lodà tante belezze,
16E i piaseri de l'amor;

E po' el tòrzo (quel da vento),
Che se dopera de nòte,
Per trovar certe putòte
20Senz'aver da savariar;

E le leve fate a posta
Per sforzar, batendo el caso,
Qualche porta, e dar de naso
24Anca dove no se pol,

A la barba de i custodi,
Che vorìa far resistènza,
Ma che dopo con prudenza
28I se cava, e i lassa far.

Tuto, là, tacar bisogna;
Ma de manco far no posso,
Benchè vechio e un poco flosso,
32De pregar la Dea per mì:

"Sì, gran Dea che in Mènfi e in Cipro
Da regina ti è tratàda
E da tuti veneràda,
36Scolta Oràzio, quel ch'el vol:

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/244&oldid=65220"