Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/103

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


di bizzarrie originali, di buone sentenze e di comparazioni felici.


i. Querini, Giovanni qu. Vicenzo. Rime Varie.

Quantunque io non mi sia proposto di citare Opere MSS. tuttavia essendo stato il Querini un fertile scrittore di poesie in Dialetto veneziano, ed un Codice della Marciana (Classe ix Cod. clxxiii) molte contenendone che meriterebbero di vedere la pubblica luce, piacemi di riportare qui per Saggio una Canzone da lui diretta ad un Zorzi de Zorzi ne' primi anni del Secolo XVII.

Canzone

Daspuò che 'l rasonar tropo avalìo
T'ha parso un puoco rio, dirò coverto,
Benchè credo per certo esser inteso.
     Tal no se vol fidar del fato mio,
5Che averà i puti drio; chè un cao sempr'erto
E sempre descoverto ha puoco peso.
Quel che stà teso teso, ha el nuodo in cima;
Chi vol star sempre a prima e andar col Zonto
Perde i so' soldi apunto. Se sta rima
10Par fata senza lima

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/103&oldid=66254"