Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/102

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Padre Cacia ec., i quali sferzarono le costumanze dissolute de' loro tempi senza scrupoleggiar nella frase; ma eziandio queste Satire, confinate nel linguaggio della sola plebe, assai scarso plauso ottener possono presso i Lettori de' tempi successivi. L'opera di vera e grande importanza nel presente Secolo xvii dettata nel nostro idioma, è la Carta del navegar pitoresco di Marco Boschini, ne' cui Canti didascalici ottime massime pittoriche si racchiudono con facil vena insinuate al lettore da un poeta ch'era ad un tempo artista perito. Non senza plauso è stato accolto il Tasso stravestìo da barcariol di Tomaso Mondini, lavoro per cui io sarei assai men indulgente del dottissimo Pier Antonio Serassi che lo giudicò grazioso e piacevole; e piuttosto mi mostrerei proclive a preferirgli la Venezia in cuna co le Novizze liberae di Ersace Beldati, sembrandomi questo poema non isprovveduto

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/102&oldid=65177"