Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/104

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Atendi al senso e faghene bon conto.
Legno che sia ben onto amorza el fuogo;
El miel chiama le mosche, e i mati i puti;
Chi vol star sora tuti
15Spesso se truova in tel più basso liogo.
     Par che parla da ziogo, e digo el vero.
Andar dal pomo al pero, e senza nose
Voler tute le vose, ha del ventoso.
Dove posso me lozo, e sì no spero
20O 'l monte de san Piero, o l'esser Dose,
Chè m'ho fato la crose e dormo zoso.
No stago pò pensoso, chè so chiaro
Che chi no g'ha danaro in ogni caso
Vien menà per el naso, e un mal reparo
25Xe a dir: Mio pare avaro
Ha tre chiave sul scrigno. Ve le baso
     Cento veste de raso; e in ste contrae
Trenta case de stazio, e a le verdure
Quatro mile chiesure,
30Ve par cogionarìe da dir de istae?
Un pien de veritae, pien de schietezza
Sente gran alegrezza e gran contento,
Ma chi xe pien de vento ha le gran dogie;
Chi spende povertà per gran richezza,
35Pazzìa per saviezza, ha el nuodo drento
E de fuora el depento, e se ha le sogie.
Chi seguita le fogie e lassa el fruto
Spesso riman al suto, e chi se sgionfa
Resta de spade a ronfa. El fin fa el tuto.
     40Mi no so che costruto
Abia un che no g'ha pan, dir ch'el trionfa.
Una vessiga sgionfa fa gran schiopo
Con quel vento, e daspuò resta gnente;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/104&oldid=66251"