Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/176

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'Amor della Gloria


     El fiol d'un benestante,
De richezza fornio più che bastante,
Dotà dalla natura
D'una certa tal qual disinvoltura,
Se sentia nato exprè,
Per deventar dei leterati el re.
So pare mo piutosto ruvidotto,
Omo tagià alla bona
E che in confronto de un contratto, e un stoco
Gavea in cesto el saver della Sorbona,
Al genio de sto fiol pensava poco,
Anzi ghe urtava a vedarlo distrato
Dall'interesse, e a far da leterato.
Figureve cha tagio interessante
Gera sto benestante,
Immaginè da vederlo vestío
Davanti mal assae, pezo da drio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/176&oldid=57043"