Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/177

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Velata in abrezè,
Calze alla barolè,
Crosato rosso, scarpa [...] grossa,
Nel resto in tutto egual: che bella cossa!
No se usarà a Parigi, eppur lu usava
Quando a un marcà lu andava,
De andarghe, e de tornar co sto equipaggio
Le so sachette messe alla barona,
Benon contrapesae banda per banda
Da bacalai, da pezzo de formaggio.
Co un'amarezza granda
Quel fiol nato alla gloria,
Vedea sior pare messo alla carlona,
Un contraposto far tanto trivial
A lu che per talentò e per memoria
Sperava d'acquistar posto immortal.
Ma assiduo tanto, e tanto
Ai so affari el tendea, con interesse,
Del fiol ridendo sul bizzaro impianto,
E seguitando andar come el so solito
Sbaldido la velada, e le braghezze:
Ma seca ancuo, seca doman, e dai,
Tanto i elastici el pare gà slongai,
Che i paterni diritti adoperando,
Cussì el ga dito a sta lazagna in grando.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/177&oldid=57055"