Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/174

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     Per saverla de preciso
S'à do medeghi chiamai,
Che per pratica e per lumi
Xe i più dotti e i più stimai.

     Dopo averghe tocà el polso
E la lengua esaminada,
I ga franchi sul so viso
La sentenza pronunciada:

     Se capisse a prima vista
Che l'è un mal d'indigestion,
Ma la causa no xe 'l cibo,
Xe più astrusa la ragion.

     Dell'Ariosto e de Petrarca,
De Vergilio e de Nason
E de Tasto e de Catullo,
E d'Ovidio e Ciceron,

     Ella almanco da qualch'anno
Uso a far la s'à ridotto,
E per esserghe indigesti,
I ga un putrido prodotto.

     Prima dunque che se vaga,
A incalzar la malattía,
I rimedi più opportuni
Doperar bisognaría.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/174&oldid=57070"