Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/172

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Za bisogno nol gà de certa scienza,
L'è ricco, e basta quel come lo tsà,
Perchè el vegna in sostanza, o in apparenza
Credudo un talentazzo in società.
     L'è da matti el desfarghe el patrimonio
Per insegnarghe un mar de rompitesta,
O Reverendo mio, no mel insonio,
La prima qualità vói che ghe resta.
     E cussì licenziando el sior Maestro
L'à el putto incoraggido a seguitar,
Ma senta strussie, e co ghe salta l'estro,
A querzer le parole, e a combinar.
     Cussì con poca spesa i l'à provvisto
De quanto fa bisogno a dottorarse;
Cussì Zelenza Padre à ben provisto,
Perchè un omo lu possa un dì mostrarse
     In più nobile forma un zorno esposta
Questa xe stada da un sovran Poeta,
Ho caminà su quelle trazze apposta,
Mi trista coa de quella gran cometa.
     Ecco l'educazion della zornada
Propria per darse d'eruditi el ton:
Ballar un poco e manizer la spada
Forma qualunque ricco un Ciceron.