Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/171

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     „ Sua Eccellenza B.C. mi passa ogn'anno
„ Cinquantasei zecchini, e poi per gionta
„ Un vestito di seta, uno di panno...
„ Or ved'ella il mio premio a quanto ammonta.
     Gli do lezioni una sol volta al giorno,
» E un paio d'ore sol sono obbligato,
» Ma di frequenti a lui faccio ritorno
„ Mentre brama vedermi, ed ei mi è grato.
     O Reverendo mio, no se fa gnente,
A mi no me convien tutta sta spesa,
Che se tutti ghe dà quel che se sente,
Mi spendo per mio fio quel che nol pesa.
     Al so mestro de ballo, un zecchinetto
Ghe dago al mese, e l'è contento assae,
Col so mestro de spada, e ghe prometto
Che trenta lire no le ò mai passae.
     E sì la vede che a parlarse chiaro
Quella xe una fadiga assae maggior,
Mi ghe protesto che no son avaro;
Ma sta spesa incontrar mi no go cuor.
     Credea che a darghe vinti soldi al dì
I podesse bastar, ma le pretese
Passa de troppo, Reverendo, e mi
No vado certo a far tutte ste spese.