Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/170

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     „ Mi canzona, Eccellenza, e chi non sa
„ Che fu dessa la Dea sempre del saggio,
„ A cui per lungo seguito d'età
„ Ogni ingegno il più illustre ha reso omaggio?
     Sì sì la dise ben, mi andava drio
Co una certa Sofia da Canaregio,
Adesso me sovien; dunque a mio fio
La ghe fazza imparar quel che va megio.
     „ Farò di Francia che la lingua apprenda...
Xella matto perdia? gnanca in insonio,
Basta che a dirme citoaien l'intenda,
Perchè mi vegna subito un demonio.
     Padetout, no lo vòì gnanca de bando,
De quella abilità no me ne importa,
Piuttosto el Turco, ch'el sarà bon quando
Bailo sicuro i lo farà alla Porta.
     „ Potrò nel Greco farlo edotto assai;
„ Basta ch'ei porga orecchio al mio consiglio,
„ Come tanti, tant'altri io vi educai
„ Potrò educar di sua Eccellenza il figlio.
     Và benon, son contento, adesso andemo
A sentir quello che ghe devo al mese,
Adesso el nostro calcolo formemo,
Se l'allogio la vol, se la vol spese.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/170&oldid=57084"