Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/168

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     El balla po benin che me contento,
De spada el sa tirar passabilmente,
E [...] chi l'urta, in un momento
Lu deventa una vipera, un serpente.
     E mi che cognosso per l'esperieza
El so cuor, la so forza el so coraggio,
Perchè no l'intra in qualche dispiacenza
La [...] un dì go sfregolà coll'agio.
     Oh alle curte l'è un fio che xe un zogello
E mi el vogio educar come convien,
Cossa insegnar la ghe vol mai de bello
Perchè un omo el riessa, e presto, e ben?
     „ Sensibile all'onor che mi vien fatto
„ Prescelto essendo a precettor del figlio
„ Pronto sono a servirla, ed io m'adatto
„ Volentieri e coll'opra e col consiglio.
     „ Additerolle un metodo il più chiaro,
„ Il più proprio a istruirlo in varie cose,
„ E dal sistema mio ch'è forse raro
„ Fra poche spine troverò le rose.
     „ Vo' dir che se non giungo in un momento
„ A farlo dono della mia dottrina,
„ Almen col tempo coglierò l'intento,
„ Se solo un poco ad ascoltarmi inclina.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/168&oldid=57081"