Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/167

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     „ Son discepoli miei vari Signori,
„ Niuno il sistema mio di lor rimbrotta,
„ E s'io non colgo fra' maestri allori,
„ Piace a tutti però la mia condotta.
     „ Come stiamo a talenti? oh bagatelle
E1 xe un fio che me fa strasecolar.
La so penetrazion toca le stelle
Tutt'el fa ben quel ch'el se mette a far.
     L'è fornio de memorie, e in che maniera,
E basta che ghe diga, in un mesetto
Senza studiarghe drio gnanca la sera,
El se impara benissimo un sonetto,
     Forse me tradirà l'amor de pare,
Ma l'accerto che quando el lo declama,
L'è da magnar per quelle forme rare...
Curte no so s'el sia sonetto o drama.
     De quindes'ani el querse a maraveggia
Le parole segnae sull'esemplar,
Nè el caso mai se dà che mi el correggia
Perchè quando ch'el vol, nol sa fallar.
     Pochissimo inclinà l'è alla lettura,
Bella, quel combinar ghe secca assae,
E mi nol strussio, perchè gò paura
Ch'el me vaga a chiapar delle scaldae.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/167&oldid=68431"