Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/166

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'Educazion


     Devotissimo servo Reverendo,
Voria darghe a un mio putto educazion
E per fama sincera ancuo savendo
Ch'ella nell'educar detta a bon ton,
     M'à piasso de mandarla a importunar,
Perchè se andemo, come spero, intesi
La vogia sto mio fio ben arlevar,
Ma in forme le più proprie e più cortesi.
     Esser deve adatà tuto al so rango,
Ella conosce ben quel che convien
Al N. al U. che no xe plebe e fango,
E come in educar se se contien.
     „ Capperi s'io lo so quel che s'addice
„ A chi naque fra l'oro e la grandezza,
„ Io lo conosco ben quanto disdice
„ Un grande addottrinar con troppa asprezza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/166&oldid=57066"