Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/165

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


In sta maniera vu m’avè insegnà
195Che al Mondo assae da raro
Felici veri no ghe n’è mai stà,
Nè continuo a vardar stà galaria,
Sperando che diversi i quadri sia.
Come perso de vista abbia sto fiol,
200Chi dirvelo mai pol?
So che da là un pochetto desmissià
M’ò trovà dall’insonio imbarazzà.
In calcoli m’ò messo,
E ho dito fra mi stesso:
205Quanti che ancuo par grandi all’apparenza,
Che un poco analizadi da vicin
A calarve sott’occhio i ve scomenza!
O quante volte o quante
sul stato soo se semena lamenti,
210Senza vardar da drio
Mille che xe con più rason scontenti.
Dai quadri visti in sogno,
Da quei che ho visto in fato,
No ho in seguito credù più tempo perso
215L’esaminar ognun dreto e roverso.