Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/164

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che se mostra del trafego contento,
170El gà facende tante,
In mar de suo ghe qualche bastimento.
In credenza lu compra, e el vende a pronti,
Prova ch’el gà concetto al fin dei conti.
O questo in verità molto me piase,
175E se el da drio al davanti se combina
Putello no gò pase
Se marcante no son doman mattina.
Lo volto, e cossa vedo?
Quello che apena credo,
180Continui fallimenti
Protesti de cambiali,
Degradi de formenti,
Insoma mille mali,
Che se da questi un per va insieme unidi,
185Se crepa in pochi dì birbi e fallidi.
Dei quadri de Regnanti
Ho visto andando avanti,
Ma questi non essendo
Tagiai sul dosso mio,
190So presto tornà indrio
Savendo za qual sorte,
Va delle Regie a flagellar le porte.
Basta, go dito allora, amigo caro,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/164&oldid=65088"