Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/163

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


No go denti, ben mio, da rosegarlo.
145Allegri al quadro terzo,
Cossa quel mai presentelo de belo?
Ho visto: dal cartelo
Questo xe un leterato, un omo doto
Che de gloria le vie corre de troto.
150Bravo dasseno! adesso mo vedemo,
E de lu el so roverso esaminemo.
Oh dio che diversivo!
Più morto assae che vivo,
L’è dalla fame, in mezzo al so lavoro…
155Halo cavà mo gnanca balla d’oro?
L’invidia lo assassina
La critica el rovina
E la fama lo aspetta al solo oggetto
De pubblicar che l’è morto de stento
160Sora un fasso de pagia, anzi che in letto.
Rifudo el so talento,
Nè vogio abilità, se non che quella
Che con qualche onestà
D’arzento fa fornir ben la scarsella.
165Osservemo anca el quarto, e se no trovo
Quello che me convien
Per vardar novi quadri, oh no me movo.
Rappresenta sto quarto un negoziante