Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/162

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E scontento per fin de chi ghe dà
120L’incenso alla so maschia afinità.
Ho tirà dretto fra de mi disendo
Del mal ghè n’ò abbastanza,
E per mi non intendo
De zontarghene a quel che a mi me avanza.
125Un secondo quadretto
Me vedo dirimpetto;
Un zovene a una putta
Più bella assae che brutta
Pareva unirse, in matrimonio, allora;
130Pensandoghe un fià sora,
El quadro de voltar za no servia...
Ma ò ascoltà chi me stava in compagnia.
La lista spaventevole
De triste conseguenze
135Che produse sta union no finia mai.
I gera in abrezè tutti notai;
Ma la tela impenida a martelletto,
E forse troppo piccola a st’oggetto
Scondea quei guai che nasce tutto el zorno
140Drio la cornise che l’aveva attorno.
Manco che manco, digo a quel toseto,
No vogio sto paneto,
Anzi quanto più stago a calcolarlo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/162&oldid=65086"