Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/161

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Per no far busi in acqua, e a to dispetto,
95Dalla sola apparenza lusingà,
Tornar pezo de prima un desgrazià.
L’occhio naturalmente
Sbrissa sul primo quadro,
Osservo un zovenotto
100Dai trenta ai vintiotto,
Vestido ricamente
E co stelle e co crose e co cordoni
Che ghe volea a contarle, oh sì minchioni!
I l’aveva dipinto a un tavolin
105Facendo sù per noja, oppur per spasso,
Castelletti de dopie e de dobloni,
E con quell’altra man sto fantolin
Fragnocolando li buttava abbasso.
No ghe ponto de dubbio, in quel momento
110Piasso a mi m’avaria quel cambiamento,
Ma prima de dir gnente el quadro ziro,
E me scampa un sospiro
Vedendo sto signor
In brazzo al malumor,
115Sempre mal fermo in pie,
Co cento malattie,
Lacerà dalla tema e dal sospetto,
Che qualche vena se ghe schiopa in petto,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/161&oldid=65085"