Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/160

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Madama Volutà.
70Su polesi de platino
Un pèr de porte cigola
Coverte da grisoliti,
Là drento mi me rodolo;
Co quel putello a latere
75Me vien concesso el comodo
De ben esaminar tutto a pontin
Avendo a fianco el mio Ciceroncin.
Quadri parlanti e bei,
De celebri penei,
80I muri tutti della stanza sconde,
Le figure xe tanto al natural,
Che se de moto no le fosse prive,
No ghe da dir, le passarìa per vive.
Sti quadri che ti vedi
85Me dise sto putello,
Xe tanti quadri della sorte umana.
Osserveli bel bello,
E in quello che ti credi,
E che ti amassi mai d’esser cambià;
90Parla liberamente, e mi son quà;
Ma quando el quadro ti à vardà per dretto
Vardelo nel roverso, e scegli ben
Quello che te convien,