Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/159

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


“Pietà me move i casi
45Che tristi te circonda,
Che se no gh'è chi un animo
El più feroce sconda,
Nel vedarte a penar sempre cussì
deve alle curte lagremar per ti.
50M’à piasso visitarte,
Mi vogio consolarte,
Gò delle facoltà de far del ben,
Date un fià de coraggio, e co mi vien.”
Me par da là un secondo
55De trovarme de peso in altro mondo,
Me vedo in una sala
Montada in tutta gala
Confusi, e là buttai,
Co l’oro impastizai
60Xe i diamanti, le perle e le turchine,
Come nu tremo el sorgo alle galline.
Diversi camarieri
Ve fa i cerimonieri,
Se chiama uno Caprizio,
65Quell’altro Desiderio,
Spartio xe dal Giudizio
A tutti el ministerio
E delle galarie le chiave gà