Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/158

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ma i xe sul canatin,
20Perchè se mai la rendita va mal,
I xe imbotta blocai dalla predial.
Fioi no gò, nè muger, ma gò qualcossa
Che a sto doppio malan corre al de sora;
La rendita xe scossa
25Tutti saldai no xe i doveri ancora,
Quelli che m’à da dar nessun me paga,
Gò un ragnetto amoroso, e che la vaga.
Tutte ste cosse fra de mi in confuso
Un dì diseva suso,
30E straco e refinio
Quando gà piasso a Dio
Da una dose de sonno visità,
I pensieri ha dà logo, e m’ò quietà.
Fra el sonno, oh maravegia!
35Me capita un putello
Bello come xe bello
Un anzolo del Cielo,
Con vezzi e sestolini
Veramente divini;
40Sto fantolin perfetto
Se mette sul mio letto,
E co modi da farse idolatrar
Scomenza sto putello a ragionar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/158&oldid=65081"