Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/121

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A un signor, giusto geri,
No so se vu ghe gieri;
I ga tagià la coa
Longa sie bone quarte, e tuta soa;
25Che no ve digo gnente
Quanto el gera furente!
     El zovene sentio sto tal raconto,
Che anch'elo avea una coa de qualche conto,
Per poderse salvar anca da questo,
30Da la scarsela à tirà fora presto
Una man, e s'à messo
La coa davanti, e nel mumento istesso
L'è tornà co la man ne la scarsella,
No l'à trovà più in quela
35El fazzoletto che ghe giera avanti,
Che robà ghe l'avea quei do birbanti.
     Sorpreso l'è restà, ma l'à ridesto,
Perchè in fati da rider caso è questo.
Gh'è certe baronae
40Che anderia son per dir quasi premiae.