Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/120

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Un zovene una volta se trovava
In palazzo a san Marco dove i fava
El placito d'un tal che avea scanada
Un'infelice dona sfortunada;
5E come ne la calca de la zente
Se trova anca dei ladri, da prudente
L'à assicurà i relogi avendo messe
Le do caene drento in le braghesse;
E stando co le man ne le scarsele
10De la velada, custodiva in quele
Do fazzioli, un bianco, un de color,
E ascoltava tranquilo l'orator.
     Un putazzo che a lu gera vicin,
À dito verso un altro: Saveu quanti
15In sta sala birbanti
Vien per rubar i fazzoleti, e fin
Anca i relogi? Stassela pur là,
L'altro risposto ga:
Ma tanti anca ghe xe che vien a far
20Baronae d'altro andar: