Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/57

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 25 —

Avanti del partire
     Voi far ’na matinada,
     Che la Rosina cara
     Me voja sempre ben. —


86.*


Le butèle de San Piero1
     E le porta el cura-recie;2
     Le và par acqua cole secie,
     Calzirei no le ghe n'à.3
Le putèle de San Piero
     E le porta el grombial streto;
     E jè bele nel viseto,
     E je marze nel figà.


87.*


Le putèle da le Stele4
     Jè color de le candele,
     Le discore da par ele
     Che morosi no le ghà.
Le putele da le Stele
     Jè color de l'erba cota,
     La ghe fuma, la ghe scota
     No poderse maridar.


88.*

Le pute da Castelroto5
     Le và via che le par dame,
     Le patisse ’na gran fame
     E le dorme sul pajon.6
Sul pajon e su la paja,
     Come un picolo cagnolo,
     Con un strasso de ninzolo7
     Tuto roto e taconà.8


  1. S. Pieroerrata corrige originale in Cariano, capoluogo della Valpolicella, o dell'XI Distretto della Provincia Veronese.
  2. Cura-recie: stuzzicorecchie.
  3. Nell'uso popolare la sécia (secchia) è sempre di legno, mentre i calzirei o (séci)errata corrige originale sono di rame ed indicano quindi qualche agiatezza in chi li possiede.
  4. Le Stelle: villaggio della Valpantena.
  5. Castelrotto: paesello della Valpolicella.
  6. Pajon: pagliariccio, saccone, paglione.
  7. Ninzolo: lenzuolo.
  8. Taconà: rappezzato. rabberciato, rattaconato.