Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 6 —
23.


Quanti ghe n'è de questi marcia in spada1
     Che i magnarà de quela che se taja,
     De quela che se taja col revêto,2
     De quela che se mena col legneto.


24.


No voglio nè garofoli, nè fiori,
Nè gnanca far l'amor a servitori;
I servitori jè pezo dei gati,
Sera e matina i và lecando i piati.


25.


No vedo l'ora che vegna stô inverno
Par vedar lo mio ben a tremolare,
E la mia mama la farà la liscia3
E lo mio ben se vegnarà a scaldare.


26.


No vedo l'ora che vegna stà Pasqua
Par far le brassadèle al me moroso:4
Ghe le farò de sucaro e de pasta,
No vedo l'ora che vegna stà Pasqua.


27.


Vardèlo là quel furbo de quel Checo
Ch'el fa l'amor a la Rosina bela;
Sera e matina el ghe porta el masseto,
Rose, basalicò5 e garofoleto.

  1. Marciare in spada: vestire attillati e fastosamente. Frase creata a quei tempi nei quali i soli gentiluomini (riccamente abbigliàti) potevano uscire armati, e portare quindi la spada.
  2. Revéto: diminutivo di refe.
  3. Far la liscia: fare il bucato; viene presa la parte per il tutto essendochè il ranno o cenerata dicesi anche liscivia.
  4. Brassadèle: ciambelle.
  5. Basalicò: (Ocimum basilicum) bassilico.