Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/37

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 5 —
18.


Vùtu saver qual'è la casa mia?,
     La ciesa, l'ospedal e l'ostaria;
     La ciesa e l'ospedal ghe i ò de bando,1
     E l'ostaria no posso farde manco.


19.


Càvete la strenga da quel peto,
     Làsseme rimirar, Rosin, quel fiore:
     Lassa veder el paradiso aperto,
     Dove riposa la luna col sole.


20.


E dei morosi ghe n'ò trenta oto.
     De manca uno a far la seza a l'orto:
     E ghè Lovigi belo che spasseza,
     El sarà quel che compirà la seza.2


21.


Vedelo là, vedelo là che el passa,
     Le corde del capel le ghe sgolassa;
     No je miga le corde del capelo,
     Je le belezze de Togneto belo.


22.


Vùtu vegner con mi a la fontana
     Che ghè de l'aqua che fà far la paze;
     Che ghe de l'aqua tanto virtuosa
     Che la fà far la paze a la morosa.

  1. Avere una cosa de bando equivale ad averla gratuitamente. Questa frase è senza dubbio originata dalle corti o feste bandite colle quali i potenti cercavano lusingare il povero popolo nelle loro allegrezze che paga sempre così care.
  2. Seza: siepe. Avere tal quantità di una cosa da poterne fare la siepe all'orto vuol dire possederne in abbondanza.