Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 4 —
13.


L'amor l'è fato come un graspo d'ua,
     Che a poco a poco la se và maurando;
     Così farò con ti, beca fotua,1
     Che a poco a poco te andarò lasciando.


14.


Togneto belo è nerrata corrige originale camara ch'el pianze,
     Le lagrime ch'el fà le buta sangue;
     Le buta sangue e le ghe và par tera,
     Portèghe remission, Rosina bela.


15.


La me morosa stà de là dai ponti,2
     La m'à voltà le spale a tuti i conti;
     La m'à voltà le spale e anca i calcagni,
     A far l'amor se fà de sti guadagni.


16.


Pute, no fè l'amor ai ciucia-gropi,
     Che vinti soldi al dì jè massa pochi;
     Piutosto fè l'amor ai damascari,
     Che trenta soldi al dì ve sarà cari.3


17.


Se fusse un oseleto con le ale
     Vorìa sgolar sul Ponte de le Nave:
     Vorìa sgolar su quela finestrela
     Andove dorme la Rosina bela.

  1. Beca-fotua: birba matricolata, guidona, bigerognola.
  2. Pei non veronesi accennarò che l'Adige scorre frammezzo Verona dividendola in due parti quasi uguali per superficie, e che sono poi legate fra loro da magnifici ponti marmorei sopra i quali si godono panorami di sempre nova e maravigliosa bellezza.
  3. Ciucia-gropi, filatojaj, damascàri tessitori.