Pagina:Rime pescatorie.djvu/6

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


sentando a trombizar fuora de proposito, sti chiachiaroni, de farghe quei rebufi, quei arlassi, e quelle vergogne, che merita la so prosontion, supplicandove a tegnirme in conserva drento el vaso della vostra saviezza, alla qual mansueto, me inchino, con una degna reverentia a hasarghe la suave man, e al Signor vostro pare per mille volte me offerisco esserghe affettionao servo, in ogni tempo, che me sarà concesso la union della mia puoca fattura, Valete.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/6&oldid=64916"