Pagina:Rime pescatorie.djvu/5

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


sa la vesta d'inverno, e chel Sol ghe scalda l'acqua de instae, qualitae de zente acerbe, crude, e severe, contra la vertue, inimisi capitali del favelar aliegro, del scriver faceto e dell'operar cortese, zeneralmente con tutti, con belle argutie, bei tratti, e belle sutilitae, ditte non fine quare, e con qualche sentimento; e però sti maligni del continuo no fa altro, che parabolanar, e far rasonamenti al vulgo, tanquam Scribi Farisei, e domandeghe puo a lori sil Cielo è azuro, i ve responderà che i no sa la causa, che mai ste bobe no varda in alto, ma sempre sta cazai in fango da porchi, talmente, che per abriviarla, tutte ste sorte de zente, e i sciopetti, le lance, e i archibusi, che da in ti fianchi de i affadigai virtudiosi, vu mo che se commentao dalle Muse, e lavao in Elicona, e vestio da Minerva, ve degnerè, sarè contento, e si ve piaserà, che a sentando

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/5&oldid=64915"