Pagina:Rime pescatorie.djvu/4

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


sona zentil, humana, e amorevole, de una creatura che ghe apdresenta un'ostrega sencieramente, che de un centener de cievali da un che i daga in don per far una boria di fatti soi, zoe per aspettar l'equivalente el contracambio, il regresso della cortesia, chel ga dao, vu mo sieghene securo. A dunca dolcissimo studioso, e zovene fruttuosissimo, e mio amichabile Signor, che de sta mia puoca bassa, e sterile fadiga, destirà fuora della meola, e della raise del tronco della mia naturalitae, infondesta dal benigno Giove, per beneficiarme anche mi de qualcossa al mondo, e ve la don, ve la concedo, e si ve la renoncio, consagrandola dananci de l'altar della vostra fama eterna, azzo che la sia so scudo, so corazzina, e so bastion, da chi la volesse offender, eo massime d'alguni che ghe fa mal le scarpe strette del compagno, che ghe pesa la

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/4&oldid=64914"