Pagina:Rime pescatorie.djvu/47

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Scampa ogni cossa, e resta la memoria,
Ma di cativi presto se desmentega,
Chi vuol cercar chi fa nascer le angurie
Besogna esser nassuo de un bon theologo,
No se maravegemo puo se i aseni
Vuol portar sella credendo esser barbari,
El me duol c'ho un pensier che me desnombola,
E si no vogio consegio da miedeghi
Solo un conforto me fa viver norbio,
Chel se sta puoco a galder delle fritole,
Ni besogna pensarse a son de pifari
Daspuo morti magnar, ni far el sprocheno,
Che importa pi bernuso, cha una tonega.
O esser pi da Roma, che da Bergamo?
Che tutto quanto è mondo fina in India.
Le un dolce viver cho feva i Apostoli,
Mo chi vuol compagnarse col Diavolo,
Per qualche tempo de la roba domina,
Puo vien una tempesta, e fa so debito,
Le megio esser agnello, cha una vipera,
Si ben le un'anemal de puoco spirito,
El ciel si ama a chi no mete scandolo
Besogna haver la fede con le opere,
Si no ga recomando a Pluto l'anema
Bene vivere e letari xe un bel distico,
E chi roman da drio lica la piadena.
Chi crede piar tutto strenze un totano,
E chi si tien lion se trova un buovolo.
O grami nu, con le nostre fandonie,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/47&oldid=55982"