Pagina:Rime pescatorie.djvu/48

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E col star tesi pieni de superbia,
Che semo al fin tre onzete de polvere
Rido de i Re, di Papa, Duchi, e Principi,
Che daspuo morti si no val un trotolo,
Chi ha buona fama ghe resta memoria,
Donca fioli tutti mesuremosse,
E femo conto de esser proprio un circolo
De sta hostaria mondana, de sta machina,
Fagando manco mal, che sia possibele,
Azo che in Paradiso ogni homo tombola.


PESCATORIA SEXTA.


O Donzelleta che in le acque insalae,
I to bei anni ti ha prencipiao,
Circondà da si nobele isolete
Che fa un feston allato magiestae
Favorizà dal cielo, e da i pianeti
In brazzo d'Hadria cara vecchiarella.
Honor de i savij toi progenitori
Ti è chresua sempre con bon intelleto
E fatto una cittae piena de zente,
Carga de fama, vertue, e ricchezza.
Zusta pi che le altre che se trova;
Le to mure xel Lio, e i palui,
Che da el viver al popolo abondante,
De pesse, che ne manzerave un morto,
E tutti i luoghi che xe a torno via,
E sotto el to dominio in terra ferma,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/48&oldid=55983"