Pagina:Rime pescatorie.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Panza d'una Banela, o cao d'ogio,
Buel de cocodrilo, e de morena,
Che diascazze fa'l ciel che no t'arsira,
Azo che in cima i ponti sul storuol
Te veda le persone che ti agabi
No credo mai che i granci te magnasse,
Che ti è tanto cativa, e spuzolente,
Che a malestente i corbi, e le cornacchie,
Te cercherave siando besognosi,
Si che per el Diavolo te lasso,
Che vogio tender alla mia trezuola,
Per viver cho fa i homeni da ben.


PESCATORIA QUINTA.


     Si canto ben dolci fradei carissimi
No son per questo aliegro in te le viscere,
Anzi el mio cuor suspira pien de lagrime
E rasonando le parole brontola
No za ch'habbia paura, o che sia timido,
Che son pi saldo che no ne un'ancuzene,
So ben che le brigae me tien per scempio.
E mi sul viso a tutti quanti schitolo,
Oh si se messurasse un poco i spiriti,
Forse qualchun no lieverave gondola,
Mo la Fortuna che sa far sti trafeghi,
Alza i murloni, e bassa quei che merita;
Queste cosse però sempre se viscola,
Che al tandem puo se vede chi ha pantofoli

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/46&oldid=55978"